Film 2017

Film 2017

Il 2017 è stato un anno ricco di nuove uscite cinematografiche, incentrate principalmente sulla produzione di sequel di film importanti o addirittura veri e proprio reboot dei successi di qualche anno fa. Non mancano, tuttavia, anche interessanti pellicole originali che senza dubbio faranno valere il proprio peso alla prossima notte degli Oscar, prevista per Marzo 2018.

I più attesi

Tra tanti film del 2017 spicca senz’altro il seguito di Cinquanta sfumature di Grigio (Taylor-Johnson, 2015), tratto dalla trilogia di romanzi di E.L. James. Cinquanta sfumature di nero, questo è il titolo del sequel ispirato al secondo libro, vede un cambio di regia fortemente voluto dall’autrice dei romanzi. Dietro la macchina da presa stavolta c’è James Foley che confeziona una pellicola più graffiante, dark e incisiva rispetto alla precedente.

Christopher Nolan, già autore negli anni passati di pellicole di grande rilievo come la trilogia del Cavaliere Oscuro e Inception, nel 2017 propone Dunkirk, un film storico ambientato nella Seconda Guerra Mondiale, dando grande prova di maestria nel lavorare a una pellicola fortemente realistica senza tradire le atmosfere suggestive che caratterizzano ogni suo film. Il cast annovera alcuni tra gli attori preferiti di Nolan, tra cui Tom Hardy e Cillian Murphy, senza dimenticare un sempre impeccabile Kenneth Branagh.

Tra i film più interessanti figura anche The Founder, pellicola biografica interpretata da un magistrale Michael Keaton tornato a nuova vita professionale (già con Birdman, successo internazionale). The Founder, diretto da John Lee Hancock, racconta la storia di McDonald’s, la catena di fast-food più famosa del mondo: la sua nascita, l’ispirazione e le prime difficoltà, sino alla grande affermazione commerciale in tutto il mondo. Difficile non apprezzare il classico film americano sulla carriera dell’uomo qualunque, ambientata tra l’altro nei sempre amati anni Cinquanta.

Il 2017 regala anche grandi pellicole tratte dalla classica narrativa storica. Ecco perché King Arthur di Guy Ritchie risulta essere un film riuscitissimo nonostante una tematica già affrontata in numerose opere precedenti. Il re Artù e la sua corte, stavolta, subiscono il fascino dell’inconfondibile stile di Ritchie, e consacra Charlie Hunnam, dopo l’esperienza maiuscola in Sons of Anarchy, ad attore per il cinema che nulla ha da invidiare a molti colleghi pluripremiati.

In mezzo a reboot e sequel, nel 2017 trovano spazio anche pellicole squisitamente “Origin”, votate quindi a raccontare l’inizio di una saga o di un personaggio già noto nel mondo cinematografico. Jordan Vogt-Roberts a tal proposito propone Kong: Skull Island, prequel della figura di King Kong denso di drammaticità e scenari thrilling all’interno di un contesto degno dei migliori film d’avventura. Tra i protagonisti: Brie Larson,Toby Kebbell  e John Goodman.

Sul fronte italiano il 2017 è l’anno della chiusura di una delle trilogie più brillanti degli ultimi anni nel nostro paese: Smetto quando voglio – Ad Honorem chiude il cerchio della sgangherata banda diretta da Sidney Sibilia. L’approccio giovane e fresco alla pellicola mancherà al pubblico italiano ma, c’è da starne certi, si apriranno nuovi filoni narrativi per gli anni a venire. Garanzia di qualità, la presenza di Pietro Sermonti e Valerio Aprea, che insieme a Pietro Calabresi bissano il successo della serie tv Boris.

Per gli amanti del mitico Trainspotting degli anni 90, il 2017 ci regala l’atteso sequel T2:Trainspotting. I personaggi principali sono tutti ai loro posti e dietro la macchina da presa c’è sempre Danny Boyle. Sarà interessante capire l’evoluzione dei ruoli nel nuovo millennio, con un Regno Unito molto cambiato rispetto a vent’anni fa, e la necessità di fare i conti con l’età che avanza.

Film gialli e film sportivi

Nelle sale proprio sul finire dell’anno, L’assassinio sull’Orient Express ripropone un grande classico del giallo di Agatha Christie rinforzato da un cast stellare: Johnny Depp, Michelle Pfeiffer, Penelope Cruz, Angelina Jolie e Derek Jacobi. Dietro la macchina da presa Kenneth Branagh, come sempre maestro delle atmosfere vintage e delle riproposizioni storiche.

Sul fronte sportivo merita una menzione Borg McEnroe, che mette in scena una delle sfide più appassionanti per gli amanti del tennis del secolo scorso, quella tra i campioni Bjorn Borg e John McEnroe. Il primo freddo e distaccato, l’altro irrequieto e ingestibile. I due daranno vita a ben 14 incontri, terminati con sette vittorie ciascuno. Il regista Janus Pedersen riesce magistralmente a coinvolgere lo spettatore su due piani differenti di lettura: quello puramente sportivo, grazie alle apprezzabilissime sequenze delle partite di tennis diventate, nella realtà, famose in tutto il mondo, e quello più emozionale, che mira ad esplorare i sentimenti e le aspettative di coloro che, ancora prima di sportivi famosi, sono stati uomini pieni di paure e di speranze.

Action movies 2017

Nei film d’azione 2017 c’è spazio anche per il ritorno di un grande protagonista come Keanu Reeves, in grande spolvero artistico grazie al fortunatissimo John Wick. La pellicola action che fa da seguito al primo film, John Wick 2, vanta molte più scene adrenaliniche della precedente, come conferma il regista Chad Stahelski. Ogni amante del genere azione non rimarrà affatto deluso, mentre Reeves si conferma attore eclettico e in splendida forma nonostante l’età non più verdissima.

Fast & Furious 8 riesce a non tradire le attese e a dare nuova linfa vitale a un franchising dato ormai per spacciato, schiacciato dal suo stesso peso supportato ormai da pù di dieci anni. L’action movie che già da qualche pellicola ha ormai abbandonato la pura esaltazione delle corse clandestine gode di una prestazione maiuscola da parte di due pionieri del film d’azione moderno: Dwayne Johnson e Jason Statham, oltre al sempre verde Vin Diesel.

Supereroi e dintorni

Il Marvel Cinematic Universe, capace di sfornare anche più di un film all’anno solo nell’ultima decade, riscuote nel 2017 enorme successo con una pellicola che sulla carta doveva avere un ruolo marginale, nonché narrativamente slegata dalla macro-storia principale. E invece I Guardiani della Galassia 2 (James Gunn), seguito del già apprezzatissimo primo film, riscuote grande successo al botteghino e si conferma particolarmente amato dal pubblico anche nel mercato Home Video.
Non solo: anche Thor: Ragnarock, ultima avventura del mistico eroe semi-dio si ritaglia il suo spazio nel film del 2017 assolutamente da vedere. Stavolta alla regia c’è Taika Waititi, autore geniale capace di dare nuova energia a un personaggio che rischiava altrimenti di ripetersi in modo seriale agli occhi dello spettatore. Senza contare che Thor: Ragnarock segna il ritorno di Loki, anti-eroe amatissimo dal grande pubblico.

Nel filone dei film per supereroi, tra i film 2017 da vedere, non poteva mancare Logan (diretto da James Mangold), spin-off della serie X-men con protagonista il più amato tra i personaggi dotati di superpoteri: Wolverine. Perfettamente calato in un ruolo ormai pienamente suo, Hugh Jackman mostra al grande pubblico un Wolverine evoluto, diverso da come lo spettatore era abituato a vederlo, pienamente cosciente di un mondo desolato e desolante, come forse il suo stesso futuro.

Il mondo dei supereroi, tuttavia, non ci regala solo protagonisti maschili. A controbilanciare il rapporto fra le parti ci pensa Wonder Woman, di Patty Jenkins. La pellicola vede come protagonista la bella e bravissima Gal Gadot, capace di incarnare perfettamente il mito della supereroina dotata di grande fascino e altrettanta forza. L’interpretazione le varrà grandi consensi sia da parte delle nuove generazioni sia di chi, a suo tempo, è cresciuto con i fumetti della super-donna più famosa d’America.

Film 2017 premiati

Gli Oscar dello scorso anno ci regalano un grande film assolutamente da non perdere: Moonlight (2017), di Barry Jenkins, insignito della statuetta come miglior film 2017. Si tratta della classica storia di riscatto sociale che tanto piace al pubblico oltreoceano (ma anche al nostro, beninteso). Protagonista è Chiron, ragazzo nero cresciuto nel ghetto di Miami che dovrà farsi largo in mezzo a mille difficoltà, sullo sfondo di una pellicola che ne scandisce la vita lungo tre atti: infanzia, adolescenza e fase adulta.

Rivalsa e vittoria morale fanno da sfondo anche a un altro imperdibile dell’ultimo anno: Il diritto di contare, di Thodore Melfi. Stavolta le protagoniste sono tre donne nere dotate di grandi talenti, i quali faticano ad essere riconosciuti in una Virginia degli anni Sessanta che ancora molta strada aveva davanti a sé in tema di emancipazione sociale. Anche stavolta il tema dell’emarginazione la fa da padrone, insieme al grande monito di non mollare mai pur di veder realizzati i propri sogni. Ne sa qualcosa La la land, di Damien Chazelle, che racconta l’amore romantico di due innamorati proprio là dove i sogni sono soliti realizzarsi: Hollywood.
Da notare un Ryan Gosling protagonista che non fa rimpiangere le precedenti interpretazioni sicuramente più “spigolose”, mostrando un talento eclettico e adattabile a un genere complesso come il musical.

Horror e Sci-Fi

Gli amanti del genere fantascientifico non attendevano altro: Alien: Covenant di Ridley Scott ha finalmente visto la luce nel 2017. Piccolo re-cap: il regista statunitense ci aveva lasciato con le atmosfere affascinanti e terrorifiche di Prometheus (2012), in cui per la prima volta veniva esplorato l’universo di Alien nella fase antecedente ai film già conosciuti. Covenant rappresenta di fatto un sequel di quell’ultima pellicola, con Michael Fassbender ancora sugli scudi grazie a un ruolo se vogliamo ancor più di spessore rispetto al film precedente.

Altrettanto atteso anche il seguito di Blade Runner, Blade Runner 2049. La pellicola cult del genere fantascienza rischiava di rovinare una pietra miliare del cinema ma la regia di Denis Villeneuve riesce a coniugare una sceneggiatura solida ad una fotografia di grande impatto.

Rischiosissimo quanto molto atteso era l’esordio in sala di IT, reboot del grande classico anni Novanta ispirato al terrorizzante romanzo di Stephen King. Il nuovo IT, diretto da Andres Muschietti, risulta molto fedele alle logiche dell’originale, probabilmente più dark del precedente e in linea con i gusti sempre più sofisticati del pubblico horror. Come previsto IT sarà composto da due pellicole, al fine di intrecciare nel dovuto spazio temporale le vicende dei protagonisti nella fase adolescenziale e in quella adulta.

Nel luglio 2017 è stato il turno invece di The War – Il pianeta delle scimmie, terzo capitolo del reboot-franchise sui mammiferi più famosi del cinema che tanta fortuna ha avuto al botteghino. Si tratta di una pellicola estremamente fedele al trend action dei due film precedenti, che non deluderà le aspettative degli appassionati del genere. Alla regia, confermatissimo Matt Reeves che non cede il testimone anche in questo che dovrebbe rappresentare la chiusura ufficiale della saga.

Tra i film 2017 più interessanti figura sicuramente Scappa – Get Out, dell’esordiente Jordan Peele.
Peele confeziona una pellicola acuta e riflessiva verso una società ancora oggi legata a stereotipi razzisti che a stento cerca di sdoganare. Per farlo, il regista immagina uno scenario altamente distopico e disturbante, quello di una famiglia-lobby della borghesia americana intenta a portare avanti un progetto forse fantascientifico nella pratica, ma altamente verosimile nella tematica.

Film 2017 ultime uscite al cinema

Per gli amanti delle sale cinematografiche, gli ultimi lavori del 2017 ci regalano diverse pellicole assolutamente imperdibili, a cominciare da Star Wars – Gli ultimi Jedi, attesissimo ottavo capitolo della saga di George Lucas (ma diretto da Rian Johnson). In alternativa, da inizio Gennaio 2018 sarà la volta del chiacchieratissimo reboot di Jumanji, in cui il pesante scettro di Robin Williams, protagonista della pellicola originale, viene raccolto da Dwaine Johnson aka The Rock, segnale evidente di una pellicole maggiormente votata alle scene adrenaliniche, complice l’enorme evoluzione in computer grafica ed effetti speciali rispetto al primo film.

Hugh Jackman è invece straordinario protagonista di The greatest showman (Michael Gracey), in cui interpreta il fondatore del mitico circo Barnum, Phineas Taylor Barnum. Anche stavolta si tratta del classico self-made man condito tuttavia da una fotografia di primordine, in linea con le atmosfere magiche che hanno reso il circo americano famoso in tutto il mondo.

Tra i film italiani al cinema in questo momento, merita una citazione speciale Napoli Velata, l’ultima fatica di Ferzan Ozpetek con Giovanna Mezzogiorno, Alessandro Borghi, Lina Sastri ed Isabella Ferrari. Riuscirà il regista turco naturalizzato italiano a bissare i successi delle precedenti pellicole? Le premesse sono ottime, grazie a un cast pesante ma anche a una storia di grande complessità, sullo sfondo della splendida città partenopea.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFilm da vedere